La vicenda Etruria &C (dramma finanziario del Dicembre 2015) si riaccende, pare, ed alcuni politici (vigliacchi) si apprestano a tirare di nuovo a lucido la loro sgualcita figura… nel sentirsi spalleggiare dalla Corte Europea su quel braccio di ferro mai impegnato! La Corte pare regalare loro una ciambella di salvataggio, ed io comprendo che ex ministri ed ex segretari di partito si tuffino voraci su questa inattesa (da lor ) opportunità di riscatto.

Ma non è così, e sarebbe il caso di raccontare la vicenda nella sua interezza.

Seguii quelle vicende con attenzione e con quotidiana costanza, per tutto quell’anno. Infatti si cominciò a parlare della Direttiva BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive – conosciuta meglio come BAIL-IN) già a fine 2014 e poi ancora nei primi mesi del 2015: questa attenzione proseguì per tutto l’anno.

La Commissaria, Margrethe Vestager, sosteneva che il nostro FITD (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi) fosse assimilabile ad un Ente Pubblico, di Stato. Ma questo poteva essere, come dire, un vezzo di protervia, oppure un salsicciotto di sventura, certamente non un problema contro cui andare a sbattere… “se” soltanto l’Italia avesse avuto almeno uno Statista da qualche parte, meglio ancora al Governo.

Bastava infatti anche soltanto andare a visitare il sito del FITD (Figura 1) per avere immediatamente una folgorazione: quel Fondo era un Ente Privato !

Fondo interbancario di tutela dei depositi
Fondo interbancario di tutela dei depositi: sul sito del FITD (immagine del 2015) si può conoscere che la sua natura giuridica è privata.

Ma c’è dell’altro, infatti avremmo potuto alzare una mano e richiamare l’attenzione della cara, soverchiante Europa degli improvvisatori, per mostrare a quei distratti baroni l’articolo 47 della nostra Costituzione: peccato, non potevamo accogliere nel nostro ordinamento quella Direttiva (BRRD), essa era in contrasto con la nostra Norma Fondamentale.

articolo 47 Costituzione Italiana

La Costituzione non ammette riserve né deroghe, il risparmio è sacro.

FSuvvia. La Repubblica (la nostra, quella che per consolidare i suoi confini mandò a morire milioni di ragazzi) favorisce e protegge il pubblico risparmio in tutte le sue forme, senza deroghe né riserve mentali.

Purtroppo da noi (da tempo) chi governa sputa su chi si oppone e viceversa, il Paese pare non esistere più e di Lui nessuno si preoccupa e nessuno si occupa: l’importante è fare bella figura, pensano i politici, l’importante è salire nei sondaggi… Ah, se avessimo avuto in quel tempo almeno tre Statisti (ma andrebbero bene anche oggi…). Ne sarebbe bastato uno al Governo, uno all’Opposizione ed uno al Quirinale.

Ma c’è altro da dire ed altro su cui riflettere, altro di cui dubitare. Alcuni esseri pensanti (ne esistono ancora alcuni, che si sappia) hanno riflettuto sulla famigerata Direttiva BRRD ed hanno costruito un filo di  ragionamento giuridico; si avete capito bene, un ragionamento giuridico, eccolo:

carissimi legislatori Europei, fate attenzione, non si può obbligare un privato a partecipare alle perdite di una azienda (la Banca) ed escluderlo contestualmente sul versante della partecipazione agli utili! Il Diritto non è una opinione e così facendo si creano dei mostri giuridici… dura minga, non può durare …

Ora vi lascio, non voglio star qui a sommare le incompetenze. Certo, bastava dire un bel NO, preciso. Non c’era nemmeno bisogno di alzare la voce, era sufficiente non abbassare i calzoni. In fondo il Diritto esiste ancora, o no?


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Articolo precedenteLa testa nel mattone!
Articolo successivoIn Toscana c’è una Lega che fa solidarietà: quella delle cooperative
Luciano Fravolini
Ragioniere, scriveva diversi @ diversi sul Libro Mastro delle società, con la Pelikan ( quella verde/nera ). Dal 1974 in banca, per 27 anni: cassa – cambio – borsino – titoli – fidi – recupero crediti. Nel 1997 è selezionato Quadro Direttivo, Responsabile della Segreteria AA GG, poi Direttore di Agenzia. Interpreta la banca da tutte le angolazioni: raccolta, impieghi, recupero crediti, analisi di bilancio e servizi di consulenza finanziaria, era un bel mondo. Poi le dimissioni, senza pensione, nel 2000 … già allora dovevi soltanto vendere. Iscritto all’Albo dei Consulenti al primo esame, approfondisce la psicologia finanziaria ( behavioral finance ) quindi incontra l’esegesi biblica, la filosofia economica di Ludwig von Mises e la mimesi acquisitiva di Renè Girard. Elabora e matura una profonda convinzione: coniugare finanza, buon senso e correttezza non solo è utile, ma produce ottimi risultati sui portafogli dei clienti. Fare le cose per bene diventa una parola d’ordine, nasce il brevetto ed il sito internet Antropologia del Rendimento ® www.progettophenice.it: l’economia è una materia umanistica. Studi e conferenze. Scrive dal 2016 sulla rivista INVESTORS’. Educatore finanziario iscritto all’AIEF.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.